Quando adottiamo un nuovo amico a quattro zampe, dobbiamo preventivare una fase importante della loro crescita: l’addestramento.

Sottovalutarlo causerebbe dei rischi e dei problemi non indifferenti.

Ma come fanno i cani a capire i comandi che gli insegniamo?

Con un addestramento pianificato, che preveda sessioni di massimo venti minuti, tanta pazienza e gli strumenti giusti.

L’addestramento segna l’inizio del vostro viaggio nel trasformare il vostro cucciolo eccitabile in un cane fedele, che sarà al vostro fianco per tutta la vita.

Il rapporto che avete con il vostro cane è come una strada a doppio senso – una connessione.

Come in qualsiasi rapporto quanto più si dà, più si ottiene indietro. Il nostro amico a quattro zampe, alla fine, farà quello che gli chiediamo e avrà un bellissimo rapporto con noi.

L’allenamento, se fatto bene, infatti è un’ottima occasione per rafforzare il rapporto con loro.

 

C’è bisogno di un leader

Come fanno i cani a capire i comandi?

È necessario che sappiano chi c’è al comando, il corrispettivo del maschio alfa nel branco. Sono bravi a riconoscere le emozioni ed è quindi fondamentale – soprattutto durante l’addestramento, ma non solo – avere l’atteggiamento giusto per ottenere l’obiettivo.

Un modo di fare aggressivo genera aggressività, uno impaziente provocherà una risposta analoga, e così via.

Dobbiamo ricordarci poi di avvalerci di strumenti utili come il rinforzo positivo, che trasforma tutto in un gioco e rende felice il nostro fedele amico e il clicker per cani, un aggeggio che se pressato fa rumore.

Questo va utilizzato ogni volta che il nostro amico fa ciò che gli chiediamo: è un mezzo per fargli capire che sta andando nella direzione giusta e verso il suo snack goloso.

Una volta che Fido avrà capito il meccanismo, il gioco è fatto.

 

Metodo e dedizione

La coerenza è la chiave.

Innanzitutto, è di vitale importanza essere coerente con i comandi e nel lodarlo. È importante assicurarsi che tutti i membri della famiglia sappiano i vostri obiettivi di addestramento e come utilizzare i comandi correttamente, altrimenti il cane potrebbe ricevere messaggi contrastanti che possono creare confusione.

 

Elogiate piuttosto che punire

I cani imparano con il rinforzo positivo. Ciò significa che raggiungerete i vostri obiettivi solo elogiando il comportamento che volete incoraggiare.

Punendo il vostro cane per un cattivo comportamento lo porterà a comportarsi in modo più imprevedibile e di conseguenza renderà più difficile addestrarlo nel modo corretto.

 

Conclusioni

I cani sono fedeli per definizione ma è necessario che l’addestramento avvenga con il giusto approccio.

Non forziamoli se sono in una giornata no o se non sono particolarmente predisposti all’apprendimento.

A volte rimandare la sessione di allenamento può essere molto più produttivo dell’ostinazione. Inoltre eviteremo situazioni di stress e ansia inutili sia per noi che per il nostro amico a quattro zampe.

×