La toelettatura è, per prima cosa, una questione di salute e di igiene. Ci sono alcuni trattamenti che non devono essere mai trascurati perché riguardano aspetti particolarmente sensibili per il benessere del cane. Si tratta del taglio delle unghie, della pulizia di orecchie, occhi, genitali e sotto zampa e dell’eliminazione dei nodi dal pelo.⠀

 

Ma ai cani piace essere toelettati? O lo vivono come un momento traumatico?

La risposta è una sola: no.

La toelettatura non rappresenta un trauma per il cane. O almeno non dovrebbe rappresentarlo, altrimenti vuol dire che sarebbe meglio cambiare toelettatore. Nessuno dei trattamenti che si fanno durante una toeletta, se ben eseguiti, provocano dolore al cane, neanche lo stripping.⠀

Per far diventare la toelettatura un momento piacevole per il tuo cane ecco che diventano essenziali due fattori: l’empatia e il tempo.⠀

◾️ Partiamo dall’empatia. Un toelettatore è davvero bravo quando sa conquistare, in poco tempo, la fiducia e la simpatia del suo peloso cliente. Deve adattarsi ai differenti caratteri, riuscire a gestire anche i cani più vivaci o mordaci.⠀

◾️ Poi c’è il fattore tempo. Quando si porta il cane a toelettare non bisogna avere fretta. Lasciare al toelettatore qualche minuto in più dello stretto necessario gli permette di far rilassare l’animale tra un trattamento e l’altro, magari intrattenendolo con un gioco o con qualche croccantino, oppure coccolandolo un po’. Tutte cose che rendono la toelettatura più serena e per niente stressante.

In conclusione, possiamo affermare con certezza che la toelettatura per il vostro cane è un piacere. Lo mantiene pulito e in forma e può diventare anche un’occasione di svago.

×